HOME

Giovedì, 08 Novembre 2018

 

Una multa fa male a un povero ma non a un miliardario. Va proporzionata. In tutto il Mondo. Per tutti i reati.


IMG 3179 per sitoMaurizio Fogliato nato a Bra (CN) nel 1959 e residente a Chieri (TO). Diplomato. Esperienze variegate. Ampie letture a livello divulgativo, soprattutto scienze inerenti alla Vita. Un po' di Filosofia approfondendo parecchio L. Wittgeinstein. Sposato e con due figli. Lavoro nel commercio azienda di famiglia.

Quando nel 96' ho maturato questa idea credevo che in poco tempo avrebbe cambiato la vita di tanta gente e anche la mia; invece ha cambiato solo la mia... in peggio. Ho creduto davvero che avrei "cambiato il mondo", invece stavo appena cominciando a conoscerlo. Sono arrivato a questa teoria autonomamente nel 1996, e l'ho divulgata intensamente tra il 1999 e il 2003. Solo nel 2001 ho scoperto che in Finlandia veniva già applicata dal 1921; il fatto che questo paese continui a migliorare servizi ed organizzazione abbassando le tasse, la considero la prova delle mie intuizioni. La grossa diversità è che io dico che vanno applicate in tutto il Mondo e che spiegano il ciclico, irrefrenabile e attuale degenerare della società. La grande difficoltà a discutere questa idea, in fondo banale ed evidente, è la prova della sua grandezza e urgenza.

  • 1998,Libro PerchèVivere: capitolo: In politica. Attingendo da Scienza, Storia, Filosofia e Religione e dalla vita, sono arrivato a questa idea  ragionando sullo scopo della vita. Pensai che la Scienza identificandolo nell'istinto di sopravvivenza della specie, conferma in modo sorprendente il cristianesimo. E allora, come mai se "vogliamo" tutti il bene comune ci azzanniamo tra noi? Pensai in modo automatico/inconscio ad un errore di organizzazione della nostra società, che evoluzionisticamente parlando, non è affatto detto che sia matura. Questo errore/soluzione mi "capitò" in mente come il banale calcolo delle sanzioni pecuniarie.
  • 1999/2000, DigilanderLibero.it: Primo sito, registrato con il nome "La proporzionalità della legge" sulla piattaforma gratuita offerta da Libero e migliaia di email sparpagliate sul web. Prima di allora non si trovava nulla. E volantinaggio.
  • 2001 Incontro importante. fb     seconda parte fb
  • 2002 Primo Dibattito pubblico fb
  • 2003 Complicato atto dimostrativo. fb Profonda riflessione e depressione.   
  • 2009, SanzioniProporzionatealReo.it: Secondo sito. L'intenzione era di ragionare sulle gerarchie di Potere diverse dal denaro.
  • 2010, MulteinBasealReddito.it: Questo sito.
  • fb2015 Gruppo Facebook Multe % Reddito = Giustizia  L'UMANITA' FA UN ERRORE STUPIDISSIMO. LE MULTE UGUALI SONO QUELLE PROPORZIONATE.
    100€ di multa sono lo stesso prezzo, ma non la stessa punizione per chi ha 1.000 e per chi ha 1.000.000. Se si esplode questo ragionamento su tutto il Pianeta e su tutti i reati si ha una Rivoluzione e si obbligheranno all'onestà anche i massimi poteri, si sconfiggeranno le mafie, le guerre, la violenza.
    La marcia di questo concetto si può far risalire al 1748 quando il Montesquieu lo suggerì timidamente nel suo fondamentale “Lo Spirito delle Leggi”. Ancor più fondamentale il passo della Finlandia che le istituì, per sé, nel 1921. Recentemente le Days Fines (multe giornaliere) si stanno diffondendo in tutto il Mondo. 
    La novità di questo gruppo è di sostenere che siano una logica universale e quindi vadano adottate in modo coordinato in tutto il Mondo. Ma, per essere accettate dai massimi poteri, vanno anche recepite dai poteri intermedi nella forma adatta. I massimi poteri hanno la loro convenienza nel fermare un Mondo alla deriva ma vorranno un’amnistia che gli faccia riprendere la competizione economica dalle posizioni acquisite, anche se con regole nuove.
    Naturalmente il primo obiettivo è avere DICHIARAZIONI REALI. Questo si raggiungerà con l'amnistia di partenza e proprio con l’applicazione di queste sanzioni per evasione fiscale, corruzione, complicità, ect. Dopo si passerà agli altri reati.
    Il concetto di base è molto semplice. Un ostacolo invece è rappresentato dal credere che un ente sovranazionale possa prendere e attuare questa epocale decisione. Un altro ostacolo è credere che un semplicione come me possa essere riconosciuto come autore. Ma al Potere me o un altro non fa molta differenza. Tranne che presentando il vero autore si può presentare veramente onesto, cambiato. E poi, se mi "comporto male" sa come zittirmi.

  • 2016 2° Dibattito pubblico fb

Pensieri

 Le persone intelligenti si adattano alla realtà. Gli sprovveduti cercano di adattare la realtà a sè stessi. Così il progresso dipende dagli sprovveduti. (George Bernard Shaw)

Le soluzioni, quando si trovano, sono sempre semplici. L. Wittgenstein